Flavio Castellani, col suo percorso concettuale, infine approda alla rappresentazione dell’ingresso di un palazzo nuovo, dai colori algidi che rischiarano la notte con luci al led, e l’automobile di prestigio che attende in strada solo di essere accesa. Uno scenario che interpreta l’ideale di casa in periferia appartenente all’immaginario collettivo del ceto medio. Giunge a questa visione strettamente contemporanea attraverso un percorso denso di riflessioni che mettono in gioco numerosi elementi di senso: i mutamenti del paesaggio urbano nel tempo, l’incedere inarrestabile della modernità, l’architettura funzionalista degli spazi artificiali e della società consumistica. La prima immagine della sequenza è esattamente l’opposto dell’ultima, col suo cogliere il senso mortificante di una struttura ormai obsoleta. Il lampione spento, in uno scenario con luce diffusa inespressiva ottenuta in post-produzione, compone il simulacro del desueto. Una fotografica mostra un simulacro quando l’immagine morale prevale sul senso della cosa in sé. Nella sequenza delle immagini l’autore affonda lo sguardo nella complessità tecnica dei cantieri e delle grandi strutture che, grazie al profilo colore, ancora invece ci appaiono simulacri di realtà nascenti che inducono nel lettore un misterioso senso del futuro.

Silvano Bicocchi

Arte Pittorica Virtuale in memoria di Luigi Tresti

Interpreta le Immagini
Galleria

L'Inganno del Tempo

Pamplona Festa S. Firmin

Tiberghien

Il Legno e l'Acqua

Le Pietre del Colore

Colonie dismesse a Cesenatico Ponente

Scalo ferroviario di Verona

Stazione FS Mediopadana di Reggio Emilia (Calatrava)

Presente Passante 2014

Another Landscape nel Delta del Po

Per la "TANGENTE"

Periferika

Another Landscape nel Delta del Po Il progetto Another Landscape, ideato e promosso dall’associazione culturale Città Invisibili di Porto Viro (RO), nasce dalla volontà di raccontare attraverso l’indagine fotografica un territorio complesso ed ancora poco conosciuto come il Delta del Po. Le fotografie di Flavio Castellani descrivono un territorio urbano e periurbano lungo l'asse della vecchia Romea che taglia i tre Comuni partecipi al progetto; Porto Viro, Taglio di Po, Rosolina, proponendo un paesaggio diverso da stereotipi fotonaturalistici con cui spesso viene raccontato. Troviamo appunto qualche traccia come le Dune fossili che determinavano la costa di allora nell'epoca romana antica.
Creative Commons License
Le opere pubblicate sono di Flavio Castellani e sono protette da una: Licenza Creative Commons
Free Guestbook
My Guestbook 

 

Biografia
Per la "TANGENTE"
info@interpretaleimmagini.it
Segui la bacheca Guido Guidi di Flavio su Pinterest. Segui la bacheca Laboratorio con Guido Guidi di Flavio su Pinterest. Segui la bacheca Mostra di Marco Zanta ed il suo laboratorio di Flavio su Pinterest.

Flavio Castellani